Sono sempre stata attratta dalla forza del colore che associo a vari stati d’animo” penso quando parlo della mia passione per la fotografia che ho trasformato in una professione.

“questo elemento, unito all’amore per l’armonia delle forme, colpisce la mia attenzione e la trasforma in scatto, in istante, in fotografia”.

Milanese d’adozione, architetto e amante della fotografia, ho cominciato la mia carriera di fotografa con alcune partecipazioni ad aste di charity.

Osservo il mondo con grande curiosità, e proprio per questo non mi sono mai soffermata su un solo tema o su un unico soggetto. Non è facile inquadrarmi quindi in una precisa categoria, questo può forse apparire un limite, per chi ritiene che sia importante specializzarsi in un’unica direzione, per me, al contrario, si è sempre rivelato un pregio ed un vero privilegio.

Ho iniziato con un’indagine sul paesaggio compiuta durante i molti viaggi che mi hanno portata a confrontarmi con le realtà più diverse in molte parti del mondo. Da subito ho preferito l’indagine minuziosa dei particolari, il gusto per i contrasti cromatici che si ritrovano nei paesaggi come nei volti delle persone, l’attenzione per le geometrie insolite architettoniche e non.

E’ in questa iniziale fase della mia ricerca che ho approfondito indispensabili conoscenze tecniche ed estetiche, raffinando il mio senso della composizione senza però mai abbandonare né il mio approccio immediato ai soggetti né il gusto della spettacolarità, elementi centrali di ogni mio progetto fotografico.

                                                                                                                                                                  Romana Zambon